Inizio attività Diabetologa Pediatra presso l'U.O. di Diabetologia Pediatrica dell'Ospedale "Cardarelli" di Campobasso

Lunedì 12 agosto 2013 ha preso servizio presso l'Unità Operativa di Diabetologia Pediatrica dell'Ospedale "Cardarelli" di Campobasso la nuova diabetologa pediatra Dott.ssa Maria Erminia Camarca.

La Dottoressa è a completa disposizione per visitare i bambini e i ragazzi, anche di maggiore età.
 
Potete contattare la Dott.ssa Camarca telefonando al Reparto di Pediatria dell'Ospedale "Cardarelli" di Campobasso ai numeri 0874.409272 e 0874.409396.
 
 
 

Campo Scuola 2013

Campo Scuola: apprendimento e divertimento per giovani diabetici molisani
di Antonella Leonardi

Educare all'autogestione della malattia, questo lo scopo dell'AGDM onlus (Associazione Giovani Diabetici Molisani), fondata nel 1994, che parteciperà sei giorni, a partire dal 30 Giugno, al Campo Scuola organizzato dalla F.D.G. Sarda (Federazione Nazionale Diabete Giovanile) a Orosei (Nu) con bambini e adolescenti diabetici molisani. L'incidenza del diabete mellito di tipo 1, in cui vi è una carenza assoluta di insulina, è elevata in Sardegna ed è in costante aumento anche nel Molise, soprattutto nei giovani al di sotto dei quindici anni. È importante quindi promuoverne l'informazione, l'istruzione e l'educazione alimentare e sanitaria. I giovani insulino-dipendenti saranno accompagnati da un'infermiera e una volontaria dell'Associazione molisana e saranno istruiti da un'équipe medica sarda per tutta la durata del campo. Lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, il tutto per stimolare all'autocontrollo e alla prevenzione delle complicanze della malattia. Quella del campo di istruzione è solo una delle attività inerenti questa patologia giovanile che l'Agdm si impegna ad organizzare annualmente: Convegni Scientifici, Corsi, Campagne di Educazione Sanitaria nelle scuole elementari e medie, serate di beneficenza per raccogliere fondi per la ricerca completano il quadro. Tra le iniziative per chi ha carenza assoluta di insulina, l'Associazione gestisce anche due attività presso l'Ospedale "A. Cardarelli" di Campobasso: dal 2000 la Ludoteca "Oasi del Gioco", per tutti i bambini dai tre ai dodici anni; dal 2005 l'Asilo Nido "Aslandia", per quelli dai tre mesi ai tre anni. Se è vero che "il diabete è una malattia da combattere, conoscere e con cui imparare a convivere", allora è innegabile e lodevole il contributo quotidiano dell'AGDM onlus a migliorare le condizioni socio-sanitarie di coloro che ne sono affetti.

Rinnovo Consiglio Direttivo AGDM onlus 2012

 www.unmondoditaliani.com

Associazione Giovani Diabetici Molisani. Stabilito il nuovo Consiglio Direttivo

di Serena Lastoria –

 

L’ Associazione Giovani Diabetici Molisani, si è riunita in Assemblea Straordinaria presso l’Ospedale Cardarelli di Campobasso per il rinnovo delle cariche associative con scadenza al 13 ottobre 2016. L’ associazione ha l’obiettivo di salvaguardare il diritto alla salute del bambino e del giovane diabetico, promuovendo attività finalizzate ad un miglioramento delle condizioni del loro stile di vita

 

(UMDIUNMONDODITALIANI) L’AGDMOnlusAssociazione Giovani Diabetici Molisani, si è riunita in Assemblea Straordinaria presso la Sala Conferenze dell’Ospedale Cardarelli di Campobasso per il rinnovo delle cariche associative con scadenza al 13 ottobre 2016. Il nuovo Consiglio Direttivo risulta composto da: Presidente-Carmine Venditti, Vicepresidente-Pasquale Guarracino, Segretario-Claudia Di Santo, Consiglieri-Nicola Mario Di SantoMarcelo Gabirel RealiniDavide Ciarleglio, Presidente Revisore dei conti-Anna Maria Fantini, Revisori dei conti-Silvana Stefanelli, Marina Testa, Presidente Onorario-Angelo Perrotta, Rappresentante AGDM Isernia/Venafro-Salvatore Fasano, Rappresentante delle MalattieRare, Cinzia Simone, Responsabile Servizio Asilo Nido e Ludoteca Ospedaliera-Carmine Venditti.

 

L’associazione continua, come obiettivo primario, a salvaguardare il diritto alla salute del bambino e del giovane diabetico, promuovendo attività finalizzate ad un miglioramento delle condizioni del loro stile di vita; non ultimo quello di migliorare il pieno funzionamento dell’ U.O. di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale “Cardarelli” di Campobasso, unico Centro di Riferimento Regionale secondo la L.R. n.25/1989 dove vengono curati questi bambini.

 

® Riproduzione vietata. Consentita solo previa citazione della fonte. Tutti i diritti riservati

 

UN MONDO D'ITALIANI -- ITALIAN INTERNATIONAL DAILY MAGAZINE

 

 

 www.primonumero.it

18/11/2012 - L’ASSOCIAZIONE GIOVANI DIABETICI RINNOVA IL CONSIGLIO DIRETTIVO

L’associazione Giovani diabetici ha rinnovato il direttivo nella riunione che si è svolta il 13 ottobre nella sala conferenze dell’ospedale Cardarelli. Il nuovo consiglio risulta composto da Carmine Venditti, presidente, Pasquale Guarracino, vicepresidente, Claudia Di Santo, segretaria, Nicola Mario Di Santo, consigliere, Marcelo Gabriel Realini, consigliere, Davide Ciarleglio, consigliere, Anna Maria Fantini, presidente revisore dei conti, Silvana Stefanelli, revisore dei conti, Marina Testa, revisore dei conti, Angelo Perrotta, presidente onorario, Salvatore Fasano, rappresentante Agdm a Isernia-Venafro, Cinzia Simone, rappresentante delle malattie rare, Carmine Venditti, responsabile Servizio Asilo Nido e Ludoteca Ospedaliera.

L’associazione ha come obiettivo la salvaguardia del diritto alla salute del bambino e del giovane diabetico, promuovendo attività finalizzate a un miglioramento delle condizioni del loro stile di vita, e di migliorare il pieno funzionamento dell’Uo di Diabetologia ediatrica dell’ospedale Cardarelli di Campobasso, unico centro di riferimento regionale secondo la legge regionale n. 2/1989, dove vengono curati i bambini.

 

Situazione Diabetologia Pediatrica 2013

Il Quotidiano del Molise online

In Molise è emergenza per i piccoli diabetici

Pubblicato da: Redazione Data: marzo 05, 2013 In: Attualità | commenti : 0

Da oltre tre anni l’Ospedale Cardarelli di Campobasso non è più in grado di garantire il servizio di diabetologia pediatrica.
“Il servizio ha funzionato egregiamente fino al 2009 – ha dichiarato Carmine Venditti, Presidente dell’Associazione Giovani Diabetici del Molise – con un’equipe composta da medici, paramedici e personale di sostegno psicologico . Poi il blocco delle assunzioni e la carenza di fondi hanno fatto sì che i nostri piccoli pazienti, oltre 100 bambini insulino dipendenti dai tre anni in su, siano costretti a lunghe trasferte per curarsi in altre regioni, con costi insostenibili a carico delle famiglie”

Le autorità sanitarie promettono di risolvere il problema in tempi brevi, ma a tutt’oggi le promesse non hanno avuto un seguito concreto al punto che, in questi anni, l’Associazione ha dovuto far fronte all’emergenza a proprie spese. “Ogni 15 giorni siamo riusciti a far arrivare da fuori un diabetologo per visitare i nostri pazienti – continua Venditti – ma le risorse economiche sono finite e la situazione adesso rischia di precipitare. A questo punto, se le promesse non verranno mantenute, ci rivolgeremo alla Procura della Repubblica”.

“Quanto accade in Molise – è il commento di Antonio Cabras Presidente della Federazione Nazionale Diabete Giovanile- non è purtroppo un fatto isolato. Riceviamo continuamente denunce di episodi di cattiva gestione delle risorse sanitarie, un settore in cui la garanzia del diritto alla salute dovrebbe essere sempre tutelata in un Paese civile. Soprattutto quando si tratta di bambini. Le istituzioni sanitarie regionali ci hanno dato ampie rassicurazioni: noi vigileremo e saremo pronti a seguire ogni via legale per tutelare i piccoli diabetici”.

 

Il Settimanale del Molise

Dibattito associazione giovani diabetici molisani

 

 

 

Domenica 17 Febbraio 2013 11:15

In riferimento alla lettera inviata il 12 febbraio 2013 prot. 06/13 che aveva per oggetto "interruzione attività U.O.S. di Auxoendocrinologia, Diabetologia Pediatrica e Malattie Rare del P.O. "Cardarelli" di Campobasso", è stato organizzato l'incontro dibattito che si svolgerà, mercoledì 20 febbraio p.v.,  a partire dalle ore 09.30 presso i locali della Ludoteca dell'Ospedale Cardarelli di Campobasso, nel corso del quale si interverrà in ordine ai numerosi problemi che attanagliano il settore e a prospettare soluzioni utili.
L'invito è ovviamente esteso al Direttore Generale della ASREM,  e a chi riterrà opportuno coinvolgere, che le Associazioni saranno liete di accogliere ed ascoltare.
Saranno invitati a partecipare all'incontro anche tutti coloro che ritengono di poter essere utile alla causa del settore sociale e assistenziale, e coloro i quali, in qualsiasi forma ritengono possibile seguire questo mondo cosi complesso da vicino.
Visto l'importanza e rilevanza del tema da trattare, le associazioni si aspettano una risposta positiva da parte di tutti i candidati alla carica di Presidente e politici candidati alla Regione Molise.

Il presidente associazione giovani diabetici Carmine Venditti
Il Vice presidente associazione giovani diabetici Pasquale Guarracino

 

Il Tempo

 

06/03/2013 12:32

Stop a prestazioni di diabetologia pediatrica

Campobasso: da tre anni niente servizio all’ospedale «Cardarelli»

Da oltre tre anni l’ospedale Cardarelli di Campobasso non è più in grado di garantire il servizio di diabetologia pediatrica. E per questo oltre cento bambini insulino dipendenti sono costretti a lunghe trasferte per potersi curare fuori regione. Famiglie esasperate pronte a rivolgersi alla Procura se il servizio non verrà al più presto ripristinato. “Ogni quindici giorni - spiega Carmine Venditti, presidente dell’Associazione Giovani Diabetici del Molise – siamo riusciti a far arrivare da fuori un diabetologo per visitare i nostri pazienti, ma le risorse economiche sono finite e la situazione adesso rischia di precipitare. A questo punto, se le promesse non verranno mantenute, ci rivolgeremo alla Procura della Repubblica”.

 

Il Tempo

07/03/2013 06:03

Bambini diabetici senza assistenza a Campobasso Protestano i genitori costretti a lunghe trasferte

Deborah Di Vincenzo CAMPOBASSO Bimbi diabetici senza possibilità di essere assistiti a Campobasso: esplode la protesta di genitori e associazioni. Da oltre tre anni infatti il Cardarelli non è più...

CAMPOBASSO Bimbi diabetici senza possibilità di essere assistiti a Campobasso: esplode la protesta di genitori e associazioni. Da oltre tre anni infatti il Cardarelli non è più in grado di garantire il servizio di diabetologia pediatrica. E così sono più di un centinaio i piccoli pazienti costretti a raggiungere strutture fuori regione anche due volte al mese, per poter essere assistiti in maniera adeguata. E tutto naturalmente con spese sostenute dai loro genitori. Una situazione ormai non più tollerabile e le famiglie sono pronte a ricorrere alle vie legali pur di veder ripristinato il servizio per i loro figli. «Il servizio ha funzionato egregiamente fino al 2009 – ha spiegato Carmine Venditti, presidente dell’Associazione Giovani Diabetici del Molise – con un’equipe composta da medici, paramedici e personale di sostegno psicologico. Poi il blocco delle assunzioni e la carenza di fondi hanno fatto sì che i nostri piccoli pazienti, oltre cento bambini insulino dipendenti dai tre anni in su, siano costretti a lunghe trasferte per curarsi in altre regioni, con costi insostenibili a carico delle famiglie». Le autorità sanitarie promettono di risolvere il problema in tempi brevi, ma a tutt’oggi le promesse non hanno avuto un seguito concreto al punto che, in questi anni, l’associazione ha dovuto far fronte all’emergenza a proprie spese. «Ogni 15 giorni siamo riusciti a far arrivare da fuori un diabetologo per visitare i nostri pazienti – continua Venditti – ma le risorse economiche sono finite e la situazione adesso rischia di precipitare. A questo punto, se le promesse non verranno mantenute, ci rivolgeremo alla Procura della Repubblica». «Quanto accade in Molise – è il commento di Antonio Cabras presidente della Federazione Nazionale Diabete Giovanile- non è purtroppo un fatto isolato. Riceviamo continuamente denunce di episodi di cattiva gestione delle risorse sanitarie, un settore in cui la garanzia del diritto alla salute dovrebbe essere sempre tutelata in un Paese civile. Soprattutto quando si tratta di bambini. Le istituzioni sanitarie regionali ci hanno dato ampie rassicurazioni: noi vigileremo e saremo pronti a seguire ogni via legale per tutelare i piccoli diabetici».

Deborah Di Vincenzo

 

Campo Scuola 2012

www.primapaginamolise.it

13-07-2012, 17:25 • Campobasso • Cultura 

Il Presidente dell'Agdm onlus Venditti spiega il Campo Scuola dei Giovani Diabetici

L'A.G.D.M.- o.n.l.u.s.  ha organizzato dal 30 giugno al 6 luglio 2012 un Campo Scuola per bambini diabetici molisani che si è tenuto a Orosei (NU) c/o l'Hotel "Moresca", ospitati dalla ADIG Sarda (Associazione Diabete Infantile e Giovanile), rappresentata dal Presidente Nazionale della F.D.G. dr. Antonio Cabras, con la propria equipe medica diretta dalla dott.ssa Margherita Chessa. Il Campo Scuola è stato finanziato dall'Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Molise e dall'A.G.D.M.- onlus. Il tutto si è reso possibile anche per la collaborazione del Direttore Generale delll'A.S.Re.M. per la sua sensibilità dimostrata alle problematiche di questi bambini.

  
Al Campo Scuola hanno partecipato bambini diabetici con un'infermiera e le volontarie dell'Associazione.

La finalità del Campo Scuola è stata quella di perseguire il raggiungimento di obiettivi peculiari, oltre a quella di permettere ai bambini di vivere serenamente un periodo di vacanza. E' stata effettuata una valutazione delle conoscenze pratiche del diabete, all'inizio e alla fine del soggiorno.
È ormai dimostrato che nei ragazzi che partecipano ad un campo di istruzione si ha una riduzione dei ricoveri ospedalieri per complicanze acute (ipoglicemie gravi e chetoacidosi diabetica) con notevole risparmio per il SSN.

L'analisi delle valutazioni delle conoscenze effettuata prima e dopo il Campo Scuola ha evidenziato una buona conoscenza di base delle problematiche della malattia diabetica e un diverso vissuto della stessa.
Ciò è scaturito, a nostro avviso, dal confronto con altri bambini e da altri fattori quali:
•    lasciare casa forse per la prima volta
•    imparare a fronteggiare senza pericolo le attività previste
•    condividere le esperienze
•    cominciare a responsabilizzarsi per autogestirsi
•    fare una buona vacanza

Va, in ultimo, evidenziato che il Campo Scuola ha significato un momento di arricchimento e di crescita culturale per tutti i giovani diabetici ed accompagnatori.     

Il Presidente Venditti conclude informando tutti che l'Associazione continuerà il suo percorso formativo, con Convegni e Manifestazioni volti a spiegare e a far conoscere meglio la patologia, lo stato della ricerca permettendo ai bambini di vivere il più possibile una vita normale.